Russian Cinese semplificato) Inglese filippina Italiano Japanese Korean Malay Thai vietnamita
informazioni Le leggi federali numero FZ 311-FZ 27.10.2010 Legge federale № 311-FZ 27.10.2010 - Sezione III - Controllo doganale

legge numero federale anno 311-FZ 27 2010 novembre

Sul regolamento doganale nella Federazione Russa

(Adottata dalla Duma di Stato, la 19.11.2010 24.11.2010 approvato dal Consiglio della Federazione di)
(Pubblicato su "Rossiyskaya Gazeta" numero 269 (5348) da 29.11.2010, e nell'Assemblea della legislazione Federazione russa sul numero 48 29.11.2010, Art. 6252. Entrata in vigore vedi. Art. 325 della presente legge)

Attenzione! Modifiche, vedere.:
legge numero federale 162-FZ 27.06.2011 di
legge numero federale 200-FZ 11.07.2011 di
legge numero federale 409-FZ 06.12.2011 di

Sezione III - Controllo doganale

Capitolo 19. Disposizioni generali in materia di controllo doganali

§ 161. controllo doganale

1. I controlli doganali effettuati dalle autorità doganali in conformità con la normativa doganale dell'Unione doganale e la normativa Federazione Russa in materia doganale.
2. Oggetti di controllo doganale e il luogo determinati dall'articolo 95 del codice doganale dell'Unione doganale.
3. Al momento di effettuare il controllo doganale, le autorità doganali procedono dal principio di selettività e limitate a solo quelle forme di controllo doganale che sono sufficienti a garantire il rispetto della normativa doganale dell'Unione doganale e la normativa Federazione russa in materia doganale. Quando si sceglie forme e metodi di controllo doganale, le autorità doganali sono tenuti ad utilizzare i mezzi tecnici di controllo doganale, l'analisi preliminare delle informazioni in modo che durante i controllo doganale per evitare l'applicazione di dichiaranti, i vettori, e altre persone di danno connesse con lo stoccaggio di merci, i tempi di fermo del veicolo, aumentando la vita lo svincolo delle merci, a meno che non sia dovuto a circostanze eccezionali associata a segni identificati gravi irregolarità nel settore delle dogane e dei bisogni Ponti adottare misure esaustive per rilevare e perseguire tali violazioni.
4. Al fine di migliorare l'efficienza del controllo doganale, le autorità doganali collaborano con altri organi dello Stato di vigilanza in conformità con la legislazione russa, come pure le persone di cui al presente articolo del 3.
5. Forme di atti, regolamenti, protocolli e altri documenti legali redatti dalle autorità doganali nello svolgimento di alcune forme di controllo doganale in conformità con il codice doganale dell'Unione doganale e della presente legge federale, preparato dall'organismo esecutivo federale autorizzato nel campo degli affari doganali, salvo nei casi in cui doganale Codice dell'Unione doganale di cui le competenze riconosciute alla Commissione dell'Unione doganale. (See. Il numero d'ordine FCS 2713 da 30.12.2010, numero d'ordine FCS 2522 da 22.12.2010, numero d'ordine FCS 169 da 31.01.2011 FCS e numero d'ordine da 282 14.02.2011)

§ 162. Risk Management System
1. Il sistema di gestione del rischio si basa su un uso efficiente delle risorse delle autorità doganali per prevenire violazioni della legislazione doganale dell'Unione doganale e la normativa Federazione Russa in materia doganale:
1) sono sostenibili;
2) legato alla evasione dei dazi doganali e tasse in quantità significative;
3) minare la competitività dei produttori nazionali;
4) che interessano altri interessi significativi dell'Unione doganale e la Federazione russa, l'esecuzione è affidata alle autorità doganali.
2. Strategia e tattica del sistema di gestione dei rischi, la procedura per la raccolta e l'elaborazione di informazioni, la valutazione dei rischi e l'analisi, lo sviluppo e l'attuazione di misure di gestione del rischio determinato dall'organo federale esecutivo autorizzato nel settore delle dogane.
3. La procedura per l'utilizzo delle autorità doganali delle informazioni contenute nei profili di rischio stabiliti, sono regolati dal corpo federale del potere esecutivo autorizzato nel settore delle dogane.
Attenzione! Le istruzioni sulle azioni dei funzionari doganali nella preparazione e revisione del profilo di rischio dei progetti, l'uso di profili di rischio nei controlli doganali, l'aggiornamento e la cancellazione, approvato con decreto del FCS della Russia dal numero 1200 06.06.2011 di
4. Informazioni accesso limitato contenute in una serie di profili di rischio, non deve essere divulgato (lo spread) o trasferito a terzi, comprese le autorità pubbliche, tranne nei casi in cui è necessario tali informazioni a tali organismi per i compiti loro assegnati dalla legislazione della Federazione Russa. Salvo quanto diversamente stabilito da leggi federali, la procedura per il trasferimento di tali informazioni è determinata dall'organo esecutivo federale autorizzato nel campo degli affari doganali, in conformità con la legislazione russa.

§ 163. Zone di controllo doganale
1. I posti sono costumi zone di controllo sono determinati in conformità con il codice doganale dell'Unione doganale e della presente legge federale.
2. zone di controllo doganali possono essere stabilite lungo il confine di Stato della Federazione Russa, ai posti di blocco attraverso il confine di Stato della Federazione Russa nel campo delle operazioni doganali, nei luoghi di scarico e di ricarico (trasbordo) delle merci, il loro controllo doganale e sdoganamento, nelle aree di parcheggio di veicoli trasporto di merci sotto controllo doganale.
3. zone di controllo doganali possono essere permanenti in caso di:
1) se il proprietario del terreno, locali intende utilizzare questi territori esclusivamente per lo stoccaggio di merci su di loro, sotto controllo doganale, o le prestazioni di tali merci qualsiasi altra operazioni doganali;
2) se in alcune parti del territorio prevalentemente trasportato o merci sotto controllo doganale memorizzati, sia per le merci che per eseguire operazioni diverse doganali e delle restrizioni sulla circolazione delle merci attraverso i confini delle zone di controllo doganale o le restrizioni in materia di accesso a tali beni necessari per garantire il rispetto della normativa doganale Unione doganale e la normativa Federazione russa in materia doganale.
4. Circolazione delle merci, veicoli e persone, tra cui funzionari di altre agenzie governative, oltre i confini delle zone di controllo doganale ed entro i propri limiti con l'autorizzazione delle autorità doganali e sotto il loro controllo, salvo i casi stabiliti dalla presente legge federale e altre leggi federali.
5. L'organo esecutivo federale autorizzato nel campo degli affari doganali, sulla base della presentazione dell'autorità doganale, nella cui giurisdizione comprende la corrispondente frazione del territorio della Federazione Russa, definisce le zone di confine Russian Federation State, lungo la quale si desidera creare una zona di controllo doganale, e prende una decisione sulla creazione di tali zone . La decisione relativa alla creazione di zone di controllo doganale lungo il confine di Stato della Federazione Russa ha emesso un atto giuridico normativo del corpo esecutivo federale autorizzato nel campo degli affari doganali, d'accordo con l'autorità esecutiva federale nel regno delle autorità nazionali di sicurezza ed esecutivo della Federazione Russa, che sono le aree dette zone.
6. Nel territorio onshore della Federazione Russa zona di controllo doganale lungo il confine di Stato della Federazione Russa possono essere creati all'interno di una larghezza di banda della zona per 30 chilometri dal confine di Stato della Federazione Russa nel territorio della Federazione Russa.
7. In mare, le aree fluviali e lacustri del territorio della Federazione Russa zona di controllo doganale lungo il confine di Stato della Federazione Russa possono essere creati rispettivamente nel mare territoriale della Federazione russa, la parte russa delle acque di fiumi di confine, laghi e altri corpi idrici, così come la zona banda di ampiezza fino a 15 chilometri di costa nel territorio della Federazione russa.
8. zone di controllo doganale lungo il confine di Stato russo designato dai suoi limiti all'incrocio con le vie di trasporto, nelle zone della Federazione russa ad attraversare la frontiera dello Stato da parte di persone, merci e marchi di veicoli, contenente una scritta bianca "Dogana Zone Control" su uno sfondo verde, realizzato in conformità con le specifiche e gli standard definiti per i segni di informazione sul traffico.
9. La decisione sull'istituzione di controllo doganale ai posti di blocco in tutto il confine di Stato della Federazione Russa, istituito e aperto in conformità con la legge russa, prendere la testa dell'ufficio doganale nella cui giurisdizione si trova il punto di controllo ed eseguito per ordine del capo della dogana, concordato con l'organo esecutivo federale, corpo su questioni doganali. Nel settore del controllo doganale, poste ad un posto di blocco al confine di Stato della Federazione Russa, comprende parti del territorio (aree d'acqua), edifici, strutture, luoghi, all'interno del quale per effettuare operazioni doganali, lo stoccaggio, scarico e ricarico (trasbordo) sotto controllo doganale delle merci, la loro controllo doganale e controllo doganale, posti di parcheggio per i veicoli che trasportano le merci.
10. Nel determinare i confini della zona di controllo doganale deve considerare il punto di vista della gestione delle infrastrutture di trasporto entro il quale il set point attraverso il confine di Stato della Federazione Russa: il capo dell'Autorità Seaport, capo del corpo di stato bacino della navigazione interna, il capo dell'aeroporto (aerodromo), capo della stazione (stazione). Il parere dell'amministrazione delle infrastrutture di trasporto, con clausola scritta, allegata al progetto di decreto del capo della Dogana, la guida per l'approvazione al corpo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane.
11. Nell'ordine del capo delle dogane sulla creazione di zone di controllo in dogana al posto di controllo deve essere specificato:
1) l'ubicazione del punto di controllo;
2) zona di controllo doganale di frontiera e il luogo delle sue persone di intersezione, merci e veicoli.
La decisione relativa alla creazione di zone di controllo doganale nei luoghi indicati nel comma 5 del presente articolo sarà dato:
1) l'ubicazione del punto di controllo;
2) zona di controllo doganale di frontiera e il luogo delle sue persone di intersezione, merci e veicoli.
12. L'allegato all'ordine del capo delle dogane sulla creazione di zona di controllo doganale in un posto di blocco dovrebbe essere data una rappresentazione grafica dei confini e del territorio della detta zona di controllo doganale in forma di piani o mappe.
13. Le decisioni relative alla creazione di zone di controllo doganali in altri luoghi prende capo delle dogane, nella regione di cui ci sono i luoghi e le aree in cui tali sono la zona di controllo doganale.
14. La decisione di istituire dogana zona di controllo fornito 13 parte di questo articolo, redatto per ordine del capo della Dogana, che contiene:
1) ubicazione della zona di controllo doganale;
2) doganale di frontiera della zona di controllo e il luogo delle sue persone di intersezione, merci e veicoli;
3) i mezzi utilizzati per fare riferimento a.
15. In allegato a quello in termini di questo articolo ordine 14 del capo delle dogane sulla creazione di zona di controllo doganale è data una rappresentazione grafica dei confini e del territorio della zona di controllo doganale in forma di piani o mappe.
16. La zona di controllo doganale temporaneo può essere creato con decisione del capo della dogana. Questa decisione viene emesso decreto capo della dogana che indica lo scopo della creazione di una zona di controllo doganale temporaneo, la posizione della zona di temporanea controllo doganale, la data di scadenza, di attraversamento delle frontiere e lo colloca con persone, delle merci e dei veicoli, così come l'uso di mezzi di notazione.
17. Border Zone controllo doganale è indicato dai contrassegni di forma rettangolare, su uno sfondo verde con il colore bianco che ha reso la scritta in "zona di controllo doganale" russo e inglese. Questi segni sono il principale mezzo di marcatura zona di controllo doganale. zona di controllo doganale può essere deferita alla scritta "Zona doganale di controllo" in russo e in inglese direttamente a proteggere le strutture e le pareti dei locali appartenenti al suo perimetro. Può essere sostituito con la scritta in inglese iscrizione in qualsiasi altra lingua, adatto per l'uso nella creazione di una specifica zona di controllo doganale.
18. Designazione di zona di controllo doganale è al suo confine nel punto di intersezione con le vie di trasporto, nonché presso l'intersezione tra la zona di controllo funzionari della dogana di confine, merci e veicoli. Quando la designazione di zone di controllo doganale può inoltre essere applicato ai pannelli sulle informazioni di confine sui installato in prossimità delle intersezioni dei suoi confini, l'elenco delle persone che hanno accesso alla zona di controllo doganale, i mezzi della sua marcature e altre circostanze connesse con il suo funzionamento.
19. Il confine della zona di controllo doganale temporaneo può essere indicato il nastro protettivo e il tempo è impostato marchi. Questo ha permesso l'uso di materiali e strumenti prontamente disponibili.
20. zona di controllo doganale è liquidata in caso di cambiamento di posizione del corpo doganale, chiudendo posti di blocco attraverso il confine di Stato della Federazione Russa, modificare la posizione delle merci immagazzinaggio sotto controllo doganale, cambiando le posizioni dei operazioni doganali, scarico e di ricarico (trasferimento) delle merci, il loro controllo doganale e sdoganamento, il parcheggio di veicoli che trasportano merci sotto controllo doganale. La decisione sulla liquidazione della zona di controllo doganale è fatta per ordine dell'autorità doganale per creare tale zona.
21. La zona di controllo doganale temporaneo viene eliminato al termine delle attività che hanno dato origine alla sua creazione, o alla scadenza della sua validità, indicata nella decisione dell'autorità doganale sulla creazione di una zona controllo doganale temporaneo.
22. L'autorità doganale dopo l'eliminazione della zona di controllo doganale, situato nella regione delle sue attività, adotta misure per la rimozione dei mezzi di sua designazione e di informare le parti interessate circa la sua liquidazione.
23. Produzione e altre attività economiche connesse al trasporto, scarico e ricarico (trasbordo), lo stoccaggio di merci sotto controllo doganale; organizzazione e manutenzione di sosta dei veicoli che trasportano tali beni; servizio delle persone fisiche e giuridiche che si muovono attraverso il confine di Stato della Federazione Russa di merci e veicoli; con la costruzione, la ricostruzione di edifici e strutture, nonché le utilità utilizzate per operazioni doganali; costruzione e ricostruzione di strade e strade di accesso alle strutture i valichi di frontiera, di trasporto e di ingegneria utilizzati per la circolazione delle merci e dei veicoli attraverso il confine di Stato della Federazione Russa (compresa la costruzione di parcheggi, installazione di guardrail, cartelli stradali) nei settori del controllo doganale, comprese quelle create lungo il confine di Stato della Federazione russa entro un raggio di cinque chilometri del confine di Stato della Federazione russa, con il permesso dei costumi Le autorità governative e sotto la loro supervisione.
24. Produzione e altre attività economiche svolte all'interno della zona di controllo doganale, non devono interferire con il regolare funzionamento dei funzionari doganali.
25. Risoluzione sull'attuazione della produzione e altre attività economiche nella zona di controllo doganale è dato il capo dell'autorità doganale, nella regione che ha creato una zona di controllo doganale su richiesta scritta della persona interessata.
26. Domanda di approvazione delle attività economiche industriali e altri nella zona di controllo in dogana contiene informazioni sul tipo e la natura dell'attività, che si prevede di realizzare all'interno della zona di controllo doganale, l'elenco delle persone che svolgerà queste attività, informazioni sulla durata prevista di tale attività.
27. Il capo dell'autorità doganale esamina la domanda e, secondo l'attività proposta e le parti 23 24 di questo articolo mette in una dichiarazione della risoluzione "La produzione e altre attività economiche nella zona di controllo doganale è consentito fino a quando (data)". In caso di rifiuto di rilasciare una dichiarazione di autorizzazione ad applicare la risoluzione "La risoluzione sull'attuazione della attività dichiarata negato", indicando le ragioni del rifiuto.
28. L'applicazione originale viene restituito alla persona interessata, una copia della domanda è archiviato nella dell'autorità doganale.
29. Le disposizioni del presente articolo non si applicano per la custodia temporanea delle merci nei locali, aree esterne e altre aree di operatore economico autorizzato a norma dell'articolo 89 del presente documento.

§ 164. Condizioni di realizzazione del controllo doganale
1. Verifica della conformità con le disposizioni della legislazione doganale dell'Unione doganale e la legislazione della Federazione Russa in materia doganale per quanto riguarda le merci liberate con la condizionale, e le merci esportate dalla Federazione russa l'obbligo di reimportazione o sotto il regime doganale per il trattamento al di fuori del territorio doganale è ammessa entro i termini delle merci sotto controllo doganale, o fino al completamento delle procedure doganali per l'esportazione temporanea o la trasformazione al di fuori del territorio doganale.
2. Le autorità doganali effettuano controllo doganale dopo l'uscita della merce entro tre anni dopo la fine della merce sotto controllo doganale.

§ 165. Riunire funzionari di altri organi federali del potere esecutivo, che esercitano il controllo e la supervisione, di partecipare al controllo doganale
Riunire funzionari di altri organi federali del potere esecutivo della Federazione Russa che esercitano il controllo e la supervisione, di partecipare alle abitudini il controllo viene effettuato secondo le modalità stabilite dalle leggi federali competenti, regolamenti della Federazione Russa, atti del Presidente della Federazione Russa, così come gli atti congiunti del potere esecutivo federale autorizzato in materia di dogane, e gli organi federali competenti del potere esecutivo.

§ 166. Presentazione di documenti e le informazioni necessarie per il controllo doganale
1. Il dichiarante, le persone che svolgono attività nel settore delle dogane, e altre persone interessate hanno l'obbligo di presentare alle autorità doganali i documenti e le informazioni necessarie per il controllo doganale, ai sensi dell'art 98 del codice doganale dell'Unione doganale.
2. Le autorità doganali hanno il diritto di ricevere da parte delle autorità che effettuano la registrazione statale delle persone giuridiche e gli altri enti pubblici le informazioni di cui hanno bisogno per condurre controlli doganali. La procedura per lo scambio di informazioni è determinata dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore doganale, insieme alle autorità esecutive federali, che sono gestiti dalle autorità statali hanno detto.
3. I documenti necessari per il controllo della dogana sarà dichiaranti e altre persone interessate, nonché le autorità doganali per almeno tre anni civili successivi all'anno nel corso del quale le merci perdono lo status di essere sotto controllo doganale. Gli operatori autorizzati economici, rappresentanti doganali, i proprietari di magazzini di stoccaggio temporaneo, i possessori di depositi doganali, i proprietari di negozi duty free e vettori doganali conservano questi documenti entro cinque anni di calendario dopo l'anno in cui per eseguire le operazioni doganali.

§ 167. Dare banche i documenti e le informazioni necessarie per effettuare controlli doganali
1. L'autorità doganale lo svolgimento di controllare i costumi, il diritto di chiedere dalle banche in possesso di documenti ed informazioni riguardanti le attività di soggetti controllati (singoli imprenditori), in tema di copie di ispezione certificata di contratti (accordi), copie autenticate di passaporti di operazioni, le dichiarazioni di vigilanza bancaria, i certificati di documenti giustificativi, copie certificate di carte con i campioni di firme e di tenuta, e le dichiarazioni sui conti delle operazioni di organizzazioni (imprenditori), tra cui la soda rzhaschie segreto bancario, in conformità con la legislazione russa sulle banche e le attività bancarie. Banca ha ricevuto una richiesta motivata di documenti e informazioni, lo esegue entro cinque giorni dalla data di ricevimento o all'interno degli stessi rapporti d'epoca che non possiedono i documenti e le informazioni richiesti.
2. Non consentito richiesta autenticata copie dei documenti presentati alle autorità doganali, salvo diversa disposizione dalla legislazione della Federazione Russa. Se necessario, l'autorità doganale ha il diritto di fare la conoscenza con i documenti originali.
3. La forma e la procedura per la presentazione di una richiesta da parte dell'autorità doganale nella banca stabilita dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 2721 30.12.2010)
4. La forma e la procedura per la presentazione dei documenti e delle informazioni da parte delle banche, su richiesta delle autorità doganali sono stabiliti dall'organo esecutivo federale autorizzato nel campo degli affari doganali in coordinamento con la Banca Centrale della Federazione Russa.
Attenzione! Presentazione delle banche e di altri documenti istituti di credito e le informazioni su richiesta delle autorità doganali cm. Nell'ordine del FCS della Russia dal numero 1388 30.06.2011 di

§ 168. Ulteriori poteri dei funzionari doganali, che hanno trovato la merce di contrabbando nella Federazione Russa, o le merci per le quali hanno violato le condizioni di applicazione delle procedure doganali o le restrizioni sull'uso e (o) lo smaltimento di merci
(Ai fini della vendita. Fare riferimento ordine numero FCS dal 282 14.02.2011)
1. Quando rilevato nel quadro dei controlli doganali da parte delle autorità doganali di merci di contrabbando nella Federazione Russa, o le merci per le quali violato i termini della applicazione delle procedure doganali o restrizioni all'utilizzo e allo smaltimento (o) di merci per le quali ha corrisposto prestazioni per pagare dazi e tasse , che ha portato il mancato pagamento dei dazi doganali, tasse o non conformità con le restrizioni e limitazioni per le persone che hanno acquistato merci nel territorio doganale dell'unione doganale in relazione allo svolgimento IEM loro attività, tali beni sono sequestrati dalle autorità doganali, se non sono stati rimossi e che non erano stati arrestati in conformità con la legislazione della Federazione Russa in materia di reati amministrativi o penali diritto processuale della Federazione Russa. Queste merci a fini doganali sono considerati sotto controllo doganale.
2. Sequestro di beni in conformità con 1 parte di questo articolo si basa su una decisione motivata del corpo doganale o un funzionario da lui autorizzata in presenza della persona che ha trovato tali beni, o il suo rappresentante, così come, in presenza di almeno due testimoni.
3. Il sequestro di tali beni è stabilito in presenza di due testimoni. L'atto o allegati inventari dei beni sequestrati sono descritte in dettaglio insieme con il loro nome, la quantità e le caratteristiche individuali. Questo atto deve essere firmata dal funzionario doganale che ha effettuato il sequestro, la persona che ha trovato la merce ritirata, o il suo rappresentante, così come testimoni. Una copia è dato alla persona da cui i prodotti vengono ritirati, o il suo rappresentante.
4. Beni sequestrati, ai sensi della parte 1 di questo articolo, posto in magazzini di stoccaggio temporaneo ai sensi dell'articolo 202 del presente documento o altrove, in base alle regole stabilite dall'articolo 4 189 parte del presente documento. La durata di conservazione dei beni sequestrati un mese.
5. Persone indicate nel comma 1 del presente articolo sono autorizzati a pagare i dazi doganali e le tasse ai sensi dell'art 81 del codice doganale dell'Unione doganale, l'articolo 119 della legge federale attuale, di presentare documenti che conferma la conformità con le restrizioni e ad attuare la dichiarazione di merci ai sensi dell'articolo 217 della presente legge federale . Gli interessi sui suddetti importi non sono imputati i dazi doganali. Se tali persone pagano pagamenti doganali entro e non oltre cinque giorni dalla data di rilevazione dei loro prodotti citati in questo articolo non è revocata 1 parte di tali beni, a condizione che il requisito del rispetto delle restrizioni nei confronti di tali merci sono fatti.
6. Beni sequestrati ai sensi del presente articolo parte 1, restituiti alla persona che soddisfa i requisiti stabiliti 5 parte di questo articolo, fino alla data di scadenza dei beni sequestrati, la parte stabilita del presente articolo 4. Restituzione della merce viene effettuato entro tre giorni lavorativi. Quando questo è redatto in triplice copia, firmato dai funzionari della dogana, effettuato il sequestro di beni, la persona che ha restituito i beni confiscati, o il suo rappresentante, e la persona che effettua lo stoccaggio di merci sequestrate, o il suo rappresentante. La seconda copia dell'atto è dato alla persona che ha restituito i beni confiscati, o il suo rappresentante, la terza copia della persona che effettua lo stoccaggio di merci sequestrate, o il suo rappresentante.
7. In conformità con i requisiti di cui al capoverso 5 del presente articolo, le persone di cui al comma 1 del presente articolo, le merci sono considerate ai fini doganali, come una perdita di status, sotto controllo doganale, che non preclude i costumi e le altre autorità pubbliche per fare i passi necessari per identificare chi si occupa di illegale l'importazione di beni nella Federazione russa.
8. In caso di rifiuto delle persone che hanno acquistato beni specificati nella parte 1 di questo articolo, per soddisfare i requisiti stabiliti 5 parte di questo articolo, alla fine del periodo della cessione di tali beni di archiviazione viene effettuata in conformità dell'articolo 190 del presente documento.
9. Accantonamenti parti stabiliti 5 e 6 presente articolo non si applicano alle merci che è vietata l'importazione nella Federazione Russa, la merce, il fatturato di cui è vietata in conformità con la legislazione della Federazione Russa, prodotti dell'industria leggera, il cui elenco è stabilito dal Governo RF, così come le merci, per i quali le restrizioni quantitative all'importazione in conformità con gli accordi internazionali di - membri dell'Unione doganale o la Federazione russa e. Questi prodotti devono essere distrutti nei casi e modi stabiliti dal Governo della Federazione Russa, a scapito delle persone coinvolte nella importazione illegale di tali beni nella Federazione Russa, se sono installati, le persone che hanno questi prodotti sono stati ritirati, se tale persona sapeva o avrebbe dovuto essere informata il contrabbando di beni sequestrati alla Federazione russa o del bilancio federale negli altri casi.

§ 169. L'utilizzo di misure tecniche e di navi e aeromobili durante il controllo doganale
1. Al fine di ridurre i tempi per il controllo doganale e di aumentare la sua efficacia da parte delle autorità doganali possono utilizzare mezzi tecnici di controllo doganale, l'elenco e l'ordine di applicazione delle che devono essere stabiliti dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 2509 21.12.2010)
2. Garantire l'unità e la precisione richiesta di misura e di controllo metrologico e controllare le operazioni doganali attraverso mezzi tecnici attuate nella legislazione della Federazione Russa ordinare divisioni metrologiche creati dal corpo esecutivo federale autorizzato nel campo degli affari doganali, e le sue autorità doganali subordinate. Nello svolgimento delle operazioni doganali autorizzati ad utilizzare i risultati documentati di misure effettuate da altri enti in conformità con la legislazione russa a garantire l'uniformità delle misurazioni.
3. La procedura per l'uso di vasi d'acqua e velivoli delle autorità doganali ai fini del controllo doganale istituito dal governo della Federazione Russa in conformità della presente legge federale.

§ 170. L'identificazione delle merci e dei veicoli, edifici e altri luoghi
L'applicazione di mezzi di identificazione delle merci sotto controllo doganale, veicoli, edifici, container e altri luoghi dove le persone sono o possono essere merci soggette a controllo doganale, stabilita dal organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane.

§ 171. Utilizzando i risultati del controllo doganale per la produzione di casi sui reati amministrativi, cause civili e penali
I risultati del controllo doganale, redatto in conformità con le disposizioni della presente sezione possono essere ammesse come prova nei procedimenti penali e civili e di casi di illeciti amministrativi e sono oggetto di valutazione da parte del giudice, il tribunale arbitrale o il funzionario nel considerare questi casi, i ricorsi contro le decisioni, azioni ( inazione) dei corpi doganali ei loro funzionari o casi di controversie economiche insediate dal tribunale arbitrale, insieme ad altri elementi di prova in conformità con la protsessua criminale lnym la Federazione Russa, la procedura civile, procedura arbitrale legislazione della Federazione Russa o la legislazione della Federazione Russa di violazioni amministrative.

§ 172. visita doganale durante il controllo doganale. La partecipazione di specialisti ed esperti durante il controllo doganale
1. Coinvolgimento di specialisti ed esperti per condurre controllo doganale è effettuata nei casi e l'ordine, definite agli articoli 101, 102 20 e il capo del codice doganale dell'Unione doganale.
2. visita doganale durante il controllo doganale è nominato e condotto conformemente al capitolo 20 del codice doganale dell'Unione doganale per quanto riguarda le disposizioni del presente articolo.
3. Termine ultimo per la visita doganale ai sensi del comma 2 articolo 139 del codice doganale dell'Unione doganale può essere esteso con l'autorizzazione scritta del capo (vice capo) delle autorità doganali effettuare l'esame costumi, specificando le ragioni di tale proroga per il periodo necessario per l'esame, tranne quando ai sensi della presente legge federale il rilascio di merci non viene eseguita fino a quando i risultati dell'esame. In questo caso, l'esame deve essere effettuato in un periodo non superiore alla durata di svincolo delle merci in vista della proroga del termine, ai sensi del paragrafo dell'articolo 4 196 del codice doganale dell'Unione doganale.
4. Nel caso di controllo doganale in un altro periodo organizzazione autorizzata di servizio doganale può essere estesa con l'autorizzazione scritta del capo del corpo autorizzato in coordinamento con la visita doganale autorità doganali designate, specificando le ragioni di tale proroga per il periodo necessario per l'esame, ad eccezione dei casi in cui il rilascio merce non viene effettuata fino a quando i risultati dell'esame. In questo caso, l'esame deve essere effettuato in un periodo non superiore alla durata di svincolo delle merci in vista della proroga del termine, ai sensi del paragrafo dell'articolo 4 196 del codice doganale dell'Unione doganale.
5. La durata della visita doganale è sospeso in caso di non-rappresentazione dell'oggetto della loro lista specificata nella decisione sulla nomina del controllo doganale, ma non più di giorni lavorativi 10. La procedura per la sospensione dei termini di servizio doganale è determinato dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 396 25.02.2011)
6. L'esame doganale può essere rifiutato nei casi previsti al paragrafo 5 138 articoli del codice doganale dell'Unione doganale, nonché in assenza delle autorità doganali effettuare l'esame doganali, o altra organizzazione autorizzata degli esperti doganali (s) qualifiche richieste.
7. La procedura per il prelievo di campioni e campioni di merci di servizio doganale è determinato dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore doganale, ai sensi delle disposizioni previste dall'articolo 144 del codice doganale dell'Unione doganale. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 396 25.02.2011)
8. decisione in forma sulla nomina del controllo doganale, la conclusione degli esperti doganali (s) di servizio doganale fissato dal l'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane. Ogni pagina della conclusione degli esperti doganali (s) per il controllo doganale, compresa l'applicazione, firmato dall'esperto dogane (s) che ha effettuato l'esame costumi, e il sigillo dell'autorità doganale effettuare l'esame doganali, o altra organizzazione autorizzata effettuare l'esame doganale.
9. Nei casi in cui il pagamento per i servizi di specialisti ed esperti in conformità con il codice doganale dell'Unione doganale a spese del bilancio federale, la procedura per il rimborso di tali spese è determinato dal Governo.

§ 173. Coinvolgere un esperto (professionali) altre organizzazioni autorizzato ad effettuare l'esame doganali
1. Nomina del servizio doganale degli esperti (specialisti) altra organizzazione autorizzata è fatto nel caso di impossibilità di tale esame da parte di esperti doganali.
2. Expert (Specialist) altre organizzazioni autorizzate impegnate per condurre l'esame doganale su base contrattuale.
3. Se la visita doganale è nominato dall'autorità doganale agli esperti altre organizzazioni autorizzate (professionali), come esperto (professionale) è tenuto a presentare alle autorità doganali che ha nominato l'esame, i documenti che confermano l'esistenza delle conoscenze particolari.
4. I diritti ei doveri di un esperto (professionali) altre organizzazioni autorizzate sono stabilite 20 testa del codice doganale dell'Unione doganale.
5. La procedura per prendere una decisione sul coinvolgimento di esperti di altre organizzazioni autorizzate (professionali) per condurre una visita doganale è determinato dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 1500 21.07.2011)

Capitolo 20. Forme e procedure di controllo doganale

§ 174. Forme e procedure di controllo doganale

controllo doganale da parte delle autorità doganali nella forma e nei modi stabiliti dai capi di 16 19 e codice doganale dell'Unione doganale, fatte salve le disposizioni stabilite dalla presente legge federale.

§ 175. Il controllo doganale dei locali e territori
(Secondo cm. Ordine della FCS della Russia dal numero 578 16.03.2011 "In occasione dell'approvazione delle azioni di doganieri durante l'ispezione doganale di locali e territori")
1. Il controllo doganale dei locali e territori è effettuata sulla base della normativa sulla condotta di controllo doganale dei locali e territori. Il controllo doganale dei locali e territori durante il controllo doganale di uscita è effettuata sulla base della decisione di effettuare un controllo doganale di uscita.
2. Il controllo doganale dei locali e territori si svolge in un periodo di tempo minimo necessario per realizzarlo, e non può durare più di un giorno lavorativo, tranne nei casi di cui al comma 3 questo articolo. Il controllo doganale dei locali e territori non può essere condotto durante la notte.
3. controllo doganale può durare non più di tre giorni lavorativi in ​​caso di:
1) rifiuto di accesso ai locali e nel territorio dei quali sono soggetti a controllo doganale, e (o) il fallimento di una presentazione volontaria di merci a controllo doganale;
2) se l'identificazione delle merci necessarie per attuare le azioni in camera o sul cui territorio sono soggetti a controllo doganale, e queste azioni non possono essere completati entro un giorno lavorativo;
3) se la quantità di spazio e aree che sono soggette al controllo supera 1 000 metri quadrati.

§ 176. Il conto da parte delle autorità doganali di merci sotto controllo doganale
Procedimento e conclusioni del conto da parte delle autorità doganali di merci sotto controllo doganale, determinate dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 74 13.01.2011)

§ 177. Controllo del sistema di contabilità e rendicontazione prodotti
Attenzione!
- i moduli di resoconto persone che svolgono attività nel settore doganale, vedere l'ordine del FCS della Russia numero 2636 28.12.2010 città.
- La forma di sistemi di inventario di controllo e di reporting, vedere l'ordine del FCS della Russia numero 2522 22.12.2010 città.
- Moduli per le relazioni presentate alle autorità doganali in applicazione del regime doganale per l'elaborazione sul territorio doganale per il consumo interno, e al di fuori del territorio doganale della sede nell'ordine del FCS della Russia numero 778 13.04.2011 dalla città.
- Forme di dichiarazione delle merci vincolate libere consuetudini regime di zona e prodotti (ottenuto) di merci vincolate ad libere consuetudini regime di zona e l'ordine dei costumi di reporting corpo su tali beni, vedere l'ordine di FCS della Russia № 1327. da 23.06.2011 era
- Modulo di notifica sulla immagazzinato, trasportato, venduti, trasformati e (o) merci utilizzate ed eseguite le operazioni doganali persona che utilizza e (o) di possedere beni esteri vincolate al regime doganale di immissione in consumo interno, con l'erogazione delle prestazioni dietro pagamento dei dazi doganali e delle tasse associato con limitazioni d'uso e (o) cessioni di tali beni, vedere. nell'ordine del FCS della Russia dal numero 378 01.03.2012 di
1. In conformità al paragrafo dell'articolo 3 121 del codice doganale dell'Unione doganale controllo sistemi di inventario e reporting come una forma di controllo doganale è effettuata nei confronti di persone che svolgono attività nel settore delle dogane, operatori economici autorizzati, così come per le merci vincolate al regime doganale per l'elaborazione in materia di dogane territorio, l'elaborazione di fuori del territorio doganale, di elaborazione per il consumo interno, importazione temporanea (tolleranza), zona doganale libera, deposito franco e vypu ka per il consumo interno, con l'erogazione delle prestazioni a pagamento dei dazi doganali e tasse connesse con limitazioni d'uso e l'eliminazione (o) di questi beni.
2. Controllo sistemi di inventario per lo stesso periodo viene effettuata una sola volta. I risultati del test sono registrati atto.
3. Controllo sistemi di inventario viene eseguita controllando le informazioni contenute nelle autorità presentate alla dogana report con le informazioni disponibili alle autorità doganali, e dal confronto di questi dati con i dati riflettono nei conti e reporting, e contenuta nei documenti primari presentati alle autorità doganali su richiesta motivata.
4. Le persone che lo svolgimento di attività nel settore degli affari doganali, godendo le semplificazioni speciali, così come usando e (o) la conoscenza delle merci straniere vincolate al regime doganale di deposito doganale, duty free shop, perfezionamento attivo, perfezionamento passivo, di trasformazione per il consumo interno, ammissione temporanea (ingresso), zona doganale libera, deposito franco o rilasciare per il consumo interno, con l'erogazione delle prestazioni sul pagamento dei dazi doganali, contanti gov, accoppiato con limitazioni d'uso e (o) cessioni di tali beni, o con limitazioni d'uso e (o) l'ordine associato alla presentazione dei documenti di cui al punto comma 1 articolo 1 195 del codice doganale dell'Unione doganale, dopo l'uscita della merce, o la conservazione beni stranieri sono tenuti a presentare relazioni sui conservati, trasportati, venduti, elaborati e (o) utilizzato merci ed eseguito le operazioni doganali.
5. I rapporti indicati nella parte 4 di questo articolo possono essere presentate alle autorità doganali in forma elettronica, in presenza della firma digitale elettronica o elettronica senza la firma digitale con la presentazione obbligatoria di informazioni su carta e firmato dal capo dell'organizzazione, il capo contabile o la persona da loro autorizzata e stampa. le forme di cui al presente articolo di riferimento è determinato dall'organo federale del potere esecutivo autorizzato nel settore delle dogane. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 715 06.04.2011)
6. agente doganale è tenuto a trimestrale 10-giorno del mese successivo a quello di riferimento, presentare alle autorità doganali rapporti per competenza sui prodotti per i quali sono state commesse le operazioni doganali. devono essere specificati i record per ciascuna delle operazioni:
1) nome dell'autorità doganale, fare un operazioni doganali;
2) numero della dichiarazione doganale;
3) ha dichiarato regime doganale;
4) il nome del mittente (destinatario), contribuente numero di identificazione;
5) numero e la data del contratto con la persona rappresentata dal rappresentante doganale;
6) volto, il pagamento dei dazi doganali e le tasse;
7) l'importo dei dazi doganali pagati e delle imposte;
8) nome del prodotto con il codice della nomenclatura delle merci per le attività economiche con l'estero;
9) il valore in dogana delle merci;
10) il peso netto delle merci;
11) data e il numero dell'atto sul lavoro svolto e sui servizi forniti;
12) cognome, nome, secondo nome (se presente) della persona che ha compilato la dichiarazione doganale, serie e numero del documento attestante la sua identità (passaporto).
7. Il dichiarante, almeno una volta ogni tre mesi, presentare alle autorità doganali di effettuare controlli doganali sull'uso delle procedure doganali per l'elaborazione sul territorio doganale, riportando sul rispetto dei requisiti e delle condizioni per l'applicazione delle procedure doganali per l'elaborazione sul territorio doganale al fine di conciliare il numero dei prodotti trasformati fabbricati, rifiuti e residui. In questo report è specificato il giorno della sua presentazione alle autorità doganali:
1) il nome e la quantità delle merci vincolate al regime doganale per l'elaborazione sul territorio doganale e utilizzati nel processo di produzione, con i numeri delle corrispondenti dichiarazioni in dogana;
2) il nome e la quantità dei prodotti trasformati esportate dal territorio doganale dell'Unione doganale, o immessi in libera pratica o vincolate ad un altro regime doganale in conformità con il codice doganale dell'Unione doganale, con i numeri delle corrispondenti dichiarazioni in dogana;
3) il nome e la quantità dei prodotti trasformati che non sono vincolate ad un regime doganale;
4) il nome e la quantità di rifiuti prodotti come risultato della trasformazione di merci.
8. Segnalazione sulla riconciliazione finale della quantità di sottoprodotti, rifiuti e residui specificati nel permesso per la lavorazione delle merci nel territorio doganale, presentate dopo il completamento delle procedure doganali per l'elaborazione sul territorio doganale ai sensi del paragrafo dell'articolo 1 249 del codice doganale dell'Unione doganale, ma entro e non oltre 30 giorni rilasciare l'ultimo lotto del prodotto.
9. Il dichiarante, almeno una volta ogni tre mesi, presentare alle autorità doganali di effettuare controlli doganali sull'uso del regime doganale del perfezionamento al di fuori del territorio doganale, riportando sul rispetto dei requisiti e delle condizioni per l'applicazione delle procedure doganali per l'elaborazione fuori del territorio doganale. In questo report è specificato il giorno della sua presentazione alle autorità doganali:
1) il nome e la quantità delle merci vincolate al regime doganale per il trattamento al di fuori del territorio doganale in conformità con l'autorizzazione rilasciata per l'elaborazione e utilizzati nel processo di produzione, con i numeri delle corrispondenti dichiarazioni in dogana;
2) il nome e la quantità di importati nel territorio doganale dell'Unione doganale e dei prodotti trasformati vincolati al regime doganale pertinente con i numeri corrispondenti dichiarazioni in dogana;
3) il nome e la quantità di importati nel territorio doganale dell'Unione doganale dei prodotti raffinati, che non sono vincolate ad un regime doganale;
4) il nome e la quantità delle merci dell'Unione doganale vincolate al regime doganale per il trattamento al di fuori del territorio doganale, che ha esaminato i prodotti non vengono importati nel territorio doganale dell'Unione doganale.
10. Segnalazione sulla riconciliazione finale del numero di prodotti trasformati indicati nel permesso per la lavorazione di merci al di fuori del territorio doganale, presentate dopo il completamento del regime doganale per il trattamento al di fuori del territorio doganale ai sensi dell'articolo 260 del codice doganale dell'Unione doganale, ma non oltre giorni 30 dopo il rilascio degli ultimi prodotti di elaborazione batch modulo.
11. Il dichiarante, almeno una volta ogni tre mesi, presentare alle autorità doganali di effettuare controlli doganali sull'uso del regime doganale di trasformazione per il consumo interno, riportando sul rispetto dei requisiti e le condizioni per l'applicazione della procedura doganale di trasformazione per il consumo interno. In questo report è specificato il giorno della sua presentazione alle autorità doganali:
1) il nome e la quantità delle merci vincolate al regime doganale per il consumo interno in conformità con l'autorizzazione rilasciata per la trasformazione di merci per il consumo interno e utilizzati nel processo di produzione, con i numeri delle corrispondenti dichiarazioni in dogana;
2) il nome e la quantità dei prodotti trasformati immessi in libera pratica o vincolate ad un altro regime doganale in conformità con il codice doganale dell'Unione doganale, con i numeri delle corrispondenti dichiarazioni in dogana;
3) il nome e la quantità dei prodotti trasformati che non sono vincolate ad un regime doganale;
4) il nome e il numero dei rifiuti risultanti.
12. Segnalazione sulla riconciliazione finale della quantità di sottoprodotti, rifiuti e residui specificati nel permesso per la lavorazione di merci per il consumo interno, presentate dopo il completamento della procedura doganale di trasformazione di merci per il consumo interno, a norma dell'articolo 273 del codice doganale dell'Unione doganale, ma entro e non oltre giorni 30 dopo il rilascio delle ultime prodotti di elaborazione batch.
13. Le persone che utilizzano e (o) possedere le merci vincolate al regime doganale di importazione temporanea (ingresso), zona doganale libera, deposito franco o rilasciare per il consumo interno, con l'erogazione delle prestazioni a pagamento dei dazi doganali e tasse connesse con limitazioni d'uso e (o) ordine di questi prodotti, o con limitazioni d'uso e (o) l'ordine associato alla presentazione dei documenti di cui al punto comma 1 1 195 articoli del codice doganale dell'Unione doganale, dopo il rilascio di merci Non meno di una volta ogni sei mesi o su richiesta delle autorità doganali sono tenute a presentare relazioni sull'attuazione dei requisiti e delle condizioni di applicazione di tali procedure doganali, nonché le limitazioni d'uso e (o) lo smaltimento delle merci. Persone che tengono merci estere, con l'eccezione degli operatori economici autorizzati, sono tenuti a presentare rapporti sulle merci depositate nei termini stabiliti dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane. L'ordine di presentazione i rapporti delle autorità doganali di cui al presente comma è determinata dall'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane.
14. Comportamento contabilità e presentazione segnalazione alle autorità doganali autorizzate operatori economici di cui all'articolo 96 del presente documento.
15. L'ordine di presentazione alle autorità doganali la segnalazione dei proprietari di magazzini di stoccaggio temporaneo, i possessori di depositi doganali, i proprietari di negozi duty-free, i vettori in dogana è determinato l'organo esecutivo federale autorizzato nel settore delle dogane. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 715 06.04.2011)
16. Per il fallimento e (o) tardiva in una tempestiva segnalazione alle autorità doganali di cui al presente articolo, nonché per la presentazione delle relazioni contenenti false informazioni, la persona di cui al comma 4 di questo articolo è responsabile in conformità con la legislazione russa.

§ 178. Presentazione dei risultati del controllo doganale e di accettazione da parte i risultati delle sue decisioni
1. risultati delle ispezioni doganali sono fatti:
1) agire controllo doganale camerale durante controllo doganale camerale;
2) uscita atto controlli doganali al controllo doganale di uscita.
2. rapporto di ispezione doganale è preparato in duplice copia e firmata dai funzionari doganali che hanno condotto controllo doganale.
3. rapporto di controllo doganale deve contenere:
1) informazioni sulla persona sottoposta a revisione;
2) informazioni sui funzionari della dogana, ha condotto il controllo doganale (posizione, cognome, nome, patronimico);
3) una descrizione sistematica dei risultati (segni) violazioni della legislazione doganale dell'Unione doganale e (o) la legislazione della Federazione Russa in materia doganale con riferimento a quanto previsto dalla normativa, i requisiti sono stati violati, o le informazioni circa l'assenza di risultati (segni) violazioni;
4) conclusioni e proposte per eliminare le violazioni o per l'eliminazione delle loro conseguenze, nonché l'importo dei dazi doganali e delle tasse, qualsiasi valutati e dovzyskaniyu.
4. La data di completamento del controllo doganale è la data di redigere l'atto di costumi controllare. rapporto di ispezione doganale approvato dal capo (vice capo) dell'autorità doganale che ha effettuato il controllo doganale.
5. In caso di mancato pagamento o pagamento incompleto dei dazi doganali e le imposte sulla base del rapporto di ispezione doganale capo (vice capo) delle autorità doganali di effettuare controlli, o una persona da lui autorizzata, allo stesso tempo prendere la decisione appropriata (la decisione) nel settore doganale, se tale decisione (queste decisioni) di sua competenza. In questo caso, la prima copia dell'atto di controllo doganale deve essere allegato ai materiali dei costumi controllare, la seconda copia dell'atto di controllo doganale e la decisione (s) entro e non oltre cinque giorni lavorativi dalla data di completamento del controllo doganale assegnato alla persona ispezionato e (o) il debitore dei dazi doganali e delle imposte, oppure inviati al loro indirizzo a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. Copie della legge e la decisione (s) per il suo (loro) l'accettazione da parte dell'autorità doganale di effettuare controlli, sono inviati alle autorità doganali nella zona di cui è stato prodotto dalla svincolo delle merci, entro e non oltre cinque giorni lavorativi dalla data di completamento del controllo doganale per l'attuazione delle azioni previste dalla dogana la legislazione dell'Unione doganale e la normativa Federazione russa in materia doganale, e un credito nei confronti pagamento dei dazi doganali in conformità della presente legge federale.
6. La procedura per la cooperazione tra le autorità doganali per l'attuazione della decisione (s) delle autorità doganali che effettua il controllo doganale è determinato dal organo federale del potere esecutivo autorizzato nel settore delle dogane. (See. L'ordine del FCS della Russia dal numero 823 20.04.2011)
7. Se la decisione (decisioni) sui risultati del test non sono di competenza della dell'autorità doganale svolgimento di controllo doganale, una copia del rapporto di ispezione doganale è inviato per l'adozione di una tale decisione (tali decisioni) all'autorità doganale autorizzato.

§ 179. Assegnazione campo dei controlli doganali
I controlli doganali di uscita effettuate sulla base della decisione di condurre un controllo doganale di uscita, firmato dal titolare (vice capo) delle autorità doganali.

§ 180. Durata e procedura di sospensione del controllo doganale di uscita
1. Sospensione del controllo doganale di uscita è effettuata nei casi previsti al paragrafo 12 132 articoli del codice doganale dell'Unione doganale.
2. Sospensione e ripresa del controllo doganale di uscita decisione documentata del capo (vice capo) delle autorità doganali che effettua il controllo o funzionario autorizzato dell'autorità doganale che effettua il controllo.
3. periodo di sospensione il controllo doganale di uscita non può superare i sei mesi. Se il controllo è stato sospeso in relazione con la necessità di inviare le richieste alle autorità competenti degli Stati - membri dell'Unione doganale o stati esteri in conformità con i trattati internazionali della Federazione Russa e entro sei mesi l'autorità doganale non ha ricevuto le informazioni richieste, che è essenziale per verificare i risultati, il periodo di sospensione del controllo può essere prorogato per tre mesi.

§ 181. L'accesso dei funzionari doganali in materia di l'ente sottoposto al controllo doganale di uscita
1. La persona sottoposta al test ha il diritto di rifiutare ai funzionari della dogana l'accesso ai suoi servizi nei casi previsti dagli artt punto 3 133 del codice doganale dell'Unione doganale. Quando rifiuto ingiustificato di tale ente in materia di accesso dei funzionari doganali che conducono controllo doganale di uscita, un oggetto di tale ente è redatto in presenza di due testimoni.
2. Questo in parte di questo articolo 1 atto firmato dai funzionari della dogana che svolgono controllo doganale di uscita, la persona ispezionata o il suo rappresentante, così come testimoni. Una copia di questo certificato viene rilasciato alla persona ispezionata o il suo rappresentante.
3. In caso di rifiuto del soggetto sottoposto a revisione o il suo rappresentante a firmare l'atto di cui al comma 1 del presente articolo, il funzionario doganale di uscita che conduce controlli doganali, lo rende una voce appropriata nel suddetto atto. La persona sottoposta al test ha il diritto di dare una spiegazione scritta dei motivi di rifiuto di firmare l'atto.

§ 182. Inventario al controllo doganale di uscita
Inventario dei beni, effettuata dai funzionari della dogana secondo comma 6 1 134 articoli del codice doganale dell'Unione doganale, effettuata secondo le modalità previste per le autorità fiscali inventario in conformità con la legislazione russa in materia di imposte e tasse.

§ 183. L'ordine di sequestro di beni, sequestro di merci e documenti nella conduzione di controllo doganale di uscita
1. Sequestro di beni e il sequestro di manufatti per le finalità di cui al punto articoli comma 11 1 134 del codice doganale dell'Unione doganale.
2. I motivi per il sequestro della merce sono:
1) la scoperta di merci senza la disponibilità di questi francobolli speciali, individuando segni o simboli di beni con altri mezzi, se tali marchi, marchi di identificazione, che designano le merci in conformità con la normativa doganale dell'Unione doganale o la Federazione russa si applicano alle merci importate nella Federazione russa o segni di beni o di identificazione significa avere le caratteristiche di falso;
2) la mancanza di documenti commerciali delle informazioni dell'ente sottoposto a revisione a conferma della dichiarazione doganale e (o) lo svincolo delle merci, se in conformità con la normativa doganale dell'Unione doganale o la Federazione russa per specificare tali informazioni in documenti commerciali necessariamente un fatturato di merci nel territorio della Federazione Russa, così come rilevazione inesattezza di tali informazioni o la mancanza di documenti commerciali in cui dovrebbe essere specificato queste informazioni, se la presenza di tale doc ntov necessariamente in conformità con la normativa doganale dell'Unione doganale o la Federazione russa;
3) rilevamento di segni che possono indicare che i beni sottoposti a scansione possono essere liberate con la condizionale e utilizzati in violazione delle limitazioni d'uso e (o) lo smaltimento di questi prodotti o in violazione delle finalità coerenti con le condizioni di esenzione dal pagamento dei dazi e tasse;
4) rilevamento di segni che possono indicare che, per le merci verificati non soddisfino le condizioni e (o) la procedura per la concessione di esenzioni dal pagamento dei dazi doganali e delle tasse;
5) rilevamento di segni che possono indicare che i beni acquisiti vengono utilizzati in violazione delle condizioni e dei requisiti della procedura doganale.
3. L'arresto della merce è di vietare l'uso e smaltire merci. I beni sono sequestrati, saranno depositati al proprietario o ad altra autorità persona che in relazione a tali merci. Utilizzare una merce viene sequestrata, può essere consentito al capo (vice capo) del controllo doganale di uscita autorità doganale svolge o un funzionario autorizzato dall'autorità doganale ad una persona con l'autorità in relazione a tali merci. Trasferimento di una merce viene sequestrata, gli altri, la loro alienazione o lo smaltimento di loro non è consentito in nessun altro modo.
4. Se non vi è prova che i beni controllato sia vietata l'importazione nel territorio doganale dell'Unione doganale, o fatturato nel territorio della Federazione Russa, così come quando vi sono fondati motivi per ritenere che il sequestro della merce non è sufficiente a garantire la loro sicurezza, le autorità doganali di sequestrare merci. I beni sequestrati sono collocati in magazzini di stoccaggio temporaneo ai sensi dell'articolo 202 del presente documento o in altri luoghi in base alle regole stabilite parte dell'articolo 4 189 del presente documento.
5. Nei casi in cui per le dogane ispezione non è sufficiente copie dell'ente sottoposto a revisione e le autorità doganali hanno ragionevoli motivi per ritenere che i documenti originali possono essere distrutti, nascosti, riparato o sostituito, il funzionario doganale ha il diritto di ritirare i documenti originali. Quando si rimuovono i documenti originali sono compilati sul ritiro dei documenti originali in duplicato. La seconda copia dell'atto con le copie dei documenti sequestrati consegnato alla persona da cui sono stati sequestrati. Sulla copia del documento deve indicare il numero e la data dell'atto di recesso del documento originale e la firma del funzionario doganale che ha effettuato il suo ritiro.
6. Sequestro di merci, documenti e il sequestro dei beni vengono prodotti in base ad una decisione motivata del controllo doganale di uscita ufficiale di dogana conduzione, alla presenza del soggetto sottoposto a revisione, che ha trovato tali beni, documenti o il suo rappresentante, così come, in presenza di almeno due testimoni.
7. Tutti i prodotti ritirati, documenti o beni che vengono sequestrate, vengono presentati testimoni e altre persone coinvolte nel sequestro di beni, documenti o il sequestro dei beni, e, se necessario, confezionati, sigillati o sigillati. I documenti sequestrati sono numerati, legati e sigillati o firmati dal ente sottoposto (o suo rappresentante). In caso di rifiuto del soggetto sottoposto a revisione (o suo rappresentante) per sigillare o sequestrare documenti firmati in atto di ritiro dei documenti è un marchio speciale su questo.
8. Il sequestro di beni, documenti e il sequestro dei beni sono redatti. In questo atto, o collegato ad esso gli inventari dei beni sequestrati, documenti o beni sono sequestrati, sono descritte in dettaglio insieme con il loro nome, la quantità e le caratteristiche individuali. Il suddetto atto è firmato dal funzionario doganale, il sequestro o di fermo di una persona che ha trovato ritirato merci, documenti o merci vengono sequestrate, o il suo rappresentante, così come testimoni. Una copia è dato alla persona da cui le merci sono scoperti documenti, o il suo rappresentante.
9. Restituzione di beni sequestrati, documenti e la rimozione di sequestro deve essere effettuata entro e non oltre la fine del controllo doganale di uscita, ad eccezione dei casi in cui le merci devono essere trattenuti in conformità dell'articolo 189 specificata o merci, i documenti devono essere sequestrati o detenuta, conformemente alla legislazione russa in materia amministrativa reati, legislazione penale procedurale della Federazione russa o ai sensi dell'articolo 168 del presente documento. Restituzione di beni sequestrati, documenti e la rimozione di sequestro è effettuato sulla base della decisione del controllo doganale di uscita doganiere lo svolgimento. Risoluzione sulla restituzione dei beni sequestrati, i documenti di astinenza il sequestro è effettuato in duplice copia. La seconda copia di questa risoluzione è dato alla persona da cui le merci sono scoperti documenti, o il suo rappresentante. beni sequestrati devono essere restituiti alla persona da cui sono stati sequestrati. In caso di restituzione della merce sequestrata è redatto in triplice copia e firmata da un funzionario doganale, la persona che ha restituito i beni confiscati, o il suo rappresentante, e la persona che effettua lo stoccaggio di merci sequestrate, o il suo rappresentante. La seconda copia dell'atto è dato alla persona che ha restituito i beni confiscati, o il suo rappresentante, la terza copia della persona che effettua lo stoccaggio di merci sequestrate, o il suo rappresentante. I documenti sequestrati devono essere restituiti alla persona ispezionata o il suo rappresentante. Quando ritorni i documenti sequestrati essere redatti in due copie, firmate da un funzionario dell'autorità doganale e l'ente sottoposto o di un rappresentante di tale ente. La seconda copia dell'atto è dato alla persona ispezionata o il suo rappresentante.
10. Deposito di beni sequestrati a spese della persona da cui le merci sono state sequestrate. Se nel corso del controllo doganale si stabilisce che nei confronti di tali beni alla legislazione doganale dell'Unione doganale e (o) la legislazione della Federazione Russa in materia di dogane violato, i costi associati a questo tipo di conservazione, si riferiscono agli obblighi di spesa del bilancio federale. La procedura per la compensazione di questi fondi dal bilancio federale da parte del governo federale.
11. Informazioni su tutti i fatti del sequestro dei beni, il sequestro dei beni e dei documenti specificati nell'atto, che riflettono i risultati del controllo doganale di uscita.
12. Nei casi in cui i beni sequestrati o merci che vengono sequestrati, detenuti in conformità dell'articolo 189 della presente legge federale o dei prodotti o dei documenti sono confiscati o sequestrati in conformità con la legislazione della Federazione russa l'illeciti amministrativi, la procedura penale della Federazione Russa o in conformità con Articolo 168 del presente documento, le merci, i documenti non saranno restituiti, sequestro o di fermo di merci, documenti prodotti in conformità del presente L'articolo è considerata ritirata, e nell'atto di mettere in campo controllo doganale specifico numero del documento sulla base del quale le merci, i documenti vengono arrestati, sequestrati o arrestati.
13. Non rivendicato entro due mesi dalla data della fine di un controllo doganale di uscita merci sequestrate si rivolgono al demanio sulla base di una decisione del giudice (arbitrato) conformemente al capitolo 21 del presente documento.

Articolo 184. Il diritto dei funzionari doganali al controllo doganale
Durante l'ispezione doganale, funzionari doganali hanno i diritti di cui all'articolo 134 codice doganale dell'unione doganale, e il diritto di:
1) richiedono una persona verificabile richiedenti lo status di operatore economico autorizzato, e ottenere informazioni da lui dei sistemi di inventario in formato elettronico, nonché un estratto da esso su carta, firmato dal capo dell'ente sottoposto a revisione, il capo contabile e certificato dal sigillo dell'ente sottoposto alla revisione contabile;
2) ricevono in loco per l'accesso controllo doganale di sua competenza alle banche dati e ai dati dei sistemi informativi automatizzati dell'ente sottoposto a revisione per soddisfare i requisiti della legislazione russa in materia di protezione dei dati;
3) per verificare in loco le visite doganali ai rappresentanti dei documenti di identificazione di entità controllate, e (o), le credenziali;
4) decidere in merito alla nomina di visita doganale, se per chiarimenti verificatosi durante i problemi di controllo doganali richiedono conoscenze specifiche;
5) esercita gli altri poteri previsti dalla presente legge federale e altre leggi federali.

Articolo 185. Compiti dell'ente sottoposto a revisione durante il controllo doganale
La persona che prova durante un controllo doganale esercita le funzioni di cui all'articolo 135 codice doganale dell'unione doganale, così come:
1) in assenza di documenti (informazioni), e (o) il verificarsi di altre circostanze impedire a disposizione in tempo utile, per fornire fino alla scadenza del termine per la presentazione dei documenti (informazioni) una spiegazione scritta dei motivi per la richiesta di non;
2) forniscono funzionari doganali che effettuano un controllo doganale, l'accesso ai documenti (informazione) necessarie per l'ispezione doganale di uscita, banche dati e banche dati dei sistemi informativi automatizzati dell'ente sottoposto a revisione, con la possibilità di visualizzare e recuperare le informazioni richieste, e sempre sulla carta e elettronica copie di archivio dei documenti richiesti (informazioni);
3) fornire campioni dei prodotti in una quantità necessaria per la loro indagine, nel caso in cui i funzionari doganali in loco decisione di controllo doganale per chiamare la visita doganale;
4) dare ai funzionari doganali che effettuano i controlli doganali, della chiarificazione delle questioni sollevate durante le ispezioni doganali relative alle aree di prova;
5) soddisfare le legittime richieste dei funzionari doganali che effettuano i controlli doganali;
6) svolgere le altre mansioni previste dalla presente legge federale e altre leggi federali.

Capitolo 21. I motivi e le procedure per lo smaltimento dei beni confiscati di proprietà federale, merci bloccate e non sono soggette a illeciti amministrativi o crimini. Detenzione di beni

Articolo 186. Circolazione delle merci al demanio

Prodotti applicata alla proprietà federale:
1) da un giudice in un procedimento penale o di un caso di violazione amministrativa in applicazione della confisca dei beni a decorrere dalla data di entrata in vigore della decisione del tribunale;
2) sulla base di una domanda giudiziaria (credito) l'autorità doganale o qualsiasi altra autorità competente per la proprietà il riconoscimento senza proprietario o il trattamento dei beni sequestrati alla proprietà federale nei casi previsti dalla presente legge federale, la data di entrata in vigore di una sentenza giudiziaria atto;
3) in base al posizionamento delle merci al regime doganale del rifiuto da parte dello Stato a partire dal giorno della merce da parte delle autorità doganali l'atto di accettazione.

Articolo 187. Smaltimento dei beni confiscati di proprietà federale
1. Smaltimento dei beni confiscati nella proprietà federale sulla base di un ordine del tribunale è effettuata per mezzo di loro realizzazione, la distruzione o lo smaltimento in conformità con la legislazione della Federazione russa.
2. Invii indirizzati nella proprietà federale sulla base del posizionamento delle merci al regime doganale del rifiuto da parte dello Stato deve essere presentata all'organo esecutivo federale autorizzato dal governo della Federazione Russa di organizzare l'attuazione di, distruzione o il riciclaggio (riciclaggio) dei beni consegnati allo Stato, ad eccezione delle voci , in cui la legislazione della Federazione Russa ha istituito una procedura speciale per lo smaltimento.
3. Industria leggera, si voltò verso la proprietà federale, il cui elenco è determinato dal governo, devono essere distrutti secondo la procedura stabilita dal Governo della Federazione Russa.

Articolo 188. Il diritto del corpo esecutivo federale ha autorizzato nel settore doganale, per la donazione di beni confiscati di proprietà federale
1. L'organo esecutivo federale autorizzato nel campo degli affari doganali avrà diritto gratuitamente a trasferire convertito in medicine proprietà federale, articoli sanitari, l'igiene, materiali di finitura, prodotti medicali, alimentari deperibili, per bambini e prodotti per la nutrizione medica, così come i vestiti, scarpe e altri elementi essenziali istituzioni sociali il benessere, la salute, l'istruzione, cura dei bambini, la protezione sociale corpi NACE Lenia; Gli oggetti della storia, oggetti scientifici e opere d'arte che non sono di valore culturale, musei; oggetti di flora e fauna parchi zoologici, riserve naturali, musei; oggetti di culto alle organizzazioni religiose.
2. Le donazioni di beni confiscati di proprietà federale, per l'attività commerciale non è consentita.
3. Su scritta istanza d'appello, istituzione, organizzazione di cui alla parte 1 questo articolo, la donazione dei beni di cui alla parte 1 questo articolo, con l'obbligo di non utilizzare questi prodotti per le imprese all'autorità doganale dopo la ricezione del documento sul trattamento delle merci in proprietà federale, considerando la loro donazione.
4. Per decidere sul trasferimento di beni specificati nella parte 1 presente articolo, l'autorità doganale trasmette l'organo federale del potere esecutivo autorizzato nel settore doganale, l'autorità doganale copia autenticata:
1) i documenti in materia di trattamento dei beni al demanio;
2) appelli enti, istituzioni e organizzazioni di cui al 1 parte di questo articolo, il libero trasferimento di beni;
3) documenti contenenti informazioni sul costo delle merci;
4) documenti che confermano la qualità e la sicurezza dei beni donati inviato;
5) i risultati che indicano che i prodotti in programma di donare, non sono valori culturali (in relazione ai prodotti che presentano segni di beni culturali);
6) gli altri documenti relativi alle merci a disposizione delle autorità doganali.
5. Allo stesso tempo informazioni sulla direzione di documenti per l'organo federale del potere esecutivo ha autorizzato in materia di dogane, di prendere una decisione sul trasferimento di beni specificati in 1 parte è diretto questo articolo per l'organismo autorizzato dal governo della Federazione Russa per lo smaltimento dei beni confiscati in federale proprietà.
6. L'organo federale del potere esecutivo autorizzato nel settore doganale, sulla base dei documenti presentati alle autorità doganali, entro giorni 30 a partire dalla data che li ricevete decidere di pubblicare le istruzioni per il trasferimento gratuito dei beni confiscati di proprietà federale, o il rifiuto motivato alle autorità doganali la sua attuazione .
7. Con ordinanza l'organo esecutivo federale ha autorizzato nel settore doganale, l'autorità doganale deve organizzare il trasferimento di beni con l'atto di trasferimento all'organo di rappresentanza, istituzione, organizzazione, di cui alla presente sezione del 1 la cui autorità di agire per la proprietà ha confermato la ricezione del documento appropriato e la procura eseguite in conformità con la legislazione della Federazione russa.

Articolo 189. Detenzione di merci non sono soggette a illeciti amministrativi o crimini, e documenti relativi a questi prodotti
Attenzione! Articolo 189 in vigore dal gennaio dell'anno 1 2013, si veda l'art. 325 presente atto
1. Le autorità doganali trattenere le merci che non sono oggetto di illeciti amministrativi o crimini, e documenti relativi alle merci per i motivi di cui al comma 1 145 articoli del codice doganale dell'unione doganale.
2. Durante la detenzione di merci non sono soggette a illeciti amministrativi o crimini, e documenti per le merci devono essere registrate nella forma stabilita dalla Commissione dell'Unione doganale, copie dei quali sono soggette alla consegna al vettore, il proprietario di un magazzino di stoccaggio temporaneo o altra persona in possesso delle merci bloccate, così come destinatario o il mittente della merce, se tali persone sono stabilite dalle autorità doganali.
3. Detenuto merci e dei documenti di cui alla parte 1 questo articolo sono prese dalle autorità doganali entro e non oltre il giorno successivo alla data di scadenza del deposito temporaneo, o altri termini previsti dal codice doganale dell'unione doganale per l'esportazione di merci dal territorio doganale dell'unione doganale, la dichiarazione in dogana o altre azioni di cui agli articoli 152, 170, 185, 192, 208, 231, 234, 305 354 e codice doganale dell'unione doganale, il protocollo di blocco in 2 parte questo articolo.
4. beni detenuti sono collocati in magazzini di stoccaggio temporaneo ai sensi dell'articolo 202 specificata o trasferiti per l'organizzazione di stoccaggio impegnato in servizi di deposito nella regione delle autorità doganali. I prodotti che richiedono particolari condizioni di conservazione, vengono trasmessi alle organizzazioni competenti specializzate (istituzioni) o enti pubblici. Quando il trasferimento di beni per la memorizzazione è fatto l'atto di ricezione e trasmissione, una copia della quale rimane con le autorità doganali, il secondo - l'organizzazione (istituzione), lo stoccaggio delle merci. Una copia di tale dichiarazione è trasmessa al legittimo proprietario della merce, se quella persona è stabilita dall'autorità doganale.
5. merci bloccate e documenti su questi beni saranno integralmente restituite in casi previsti al § 147 del codice doganale dell'Unione doganale. In caso di restituzione della merce sono redatti in triplice copia, firmato dai funzionari della dogana che svolgono la restituzione della merce, la persona a cui tale ritorno le merci bloccate o il suo rappresentante, così come la persona che effettua l'archiviazione, o il suo rappresentante. La prima copia dell'atto rimane con l'autorità doganale, la seconda copia è dato alla persona che ha restituito le merci bloccate o il suo rappresentante, la terza copia della persona che effettua lo stoccaggio di merci sequestrate, o il suo rappresentante. I costi di memorizzazione delle merci bloccate sono rimborsate da parte di persone che stanno tornando merci.
6. Documenti detenuti sottoposti a rimpatrio alla persona che ha restituito le merci bloccate o il suo rappresentante. In caso di restituzione del documento i detenuti è redatto in due copie, firmate dai funzionari dell'autorità doganale che effettua la restituzione dei documenti, e la persona alla quale sono restituiti, o il suo rappresentante. La seconda copia di tale atto viene dato alla persona a cui i documenti vengono restituiti, o il suo rappresentante.
7. Ai sensi del Codice dell'articolo 146 doganale dell'unione doganale autorità doganali effettuano lo stoccaggio di merci entro un mese a decorrere dalla data del loro arresto, ad eccezione dei prodotti deperibili che sono più vecchi è ora 24 dopo l'arresto, e merci vietate importati nel territorio doganale dell'unione doganale o esportati al di fuori del territorio, il periodo di conservazione, che è tre giorni dopo l'arresto.
8. Dopo il termine di cui al paragrafo 7 questo articolo giacenza detenuti da vendere, distrutti o smaltiti in conformità con l'articolo 190 del presente documento.

Articolo 190. Smaltimento di merci non affrontare proprietà federale
Attenzione! Articolo 190 in vigore dal gennaio dell'anno 1 2013, si veda l'art. 325 presente atto
1. Ordine delle merci bloccate, merci sequestrate dalle autorità doganali a norma dell'articolo 168 presente legge federale è effettuata dalla loro attuazione, la distruzione o lo smaltimento del corpo esecutivo federale autorizzato dal governo della Federazione Russa di organizzare l'attuazione di, distruzione o il riciclaggio (riciclaggio) dei beni consegnati al Stato (di cui al presente articolo - l'organismo autorizzato).
2. L'autorità doganale che ha effettuato l'arresto o il sequestro dei beni in anticipo, ma non oltre 15 giorni prima della scadenza della durata di conservazione dei beni detenuti, di cui comma dell'articolo 7 189 della presente legge federale o lo stoccaggio delle merci sequestrate il termine previsto nel comma Articolo 4 168 della legge federale attuale, scrittura informare il dichiarante, se la dichiarazione di merci non è stato fatto, il proprietario delle merci, e nei casi in cui il proprietario è una persona straniera o le informazioni sul proprietario delle merci Le autorità doganali sono assenti, la persona in possesso dei beni sono stati al momento dell'arresto o della persona da cui i beni sono stati sequestrati, la data della manifestazione, permettendo di disporre delle merci detenute o sequestrati ai sensi del presente capitolo e l'imminente trasferimento dell'autorità. Tale comunicazione scritta può essere servito di cui in questa parte le parti in persona dietro firma o in altro modo, il fatto e la data di ricevimento della comunicazione. Nel caso di blocco delle merci deperibili nel giorno della notifica del blocco delle merci possibili rapidi mezzi di comunicazione, compreso il trasferimento di informazioni in forma elettronica.
3. L'autorità doganale che la detenzione o il sequestro dei beni, entro e non oltre il giorno successivo al giorno di scadenza di beni sequestrati ai sensi della parte 7 articoli 189 della presente legge federale, o il mantenimento dei beni sequestrati, di cui all'articolo 4 168 presente legge federale, è l'atto di scadenza mensola in duplice copia.
4. Copia della dichiarazione delle autorità doganali ai sensi della parte 3 questa sezione, al più tardi entro tre giorni lavorativi dopo il giorno della sua pubblicazione inviata a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno ai soggetti di cui alla parte 2 questo articolo. La seconda copia del rapporto è l'autorità doganale. Copia della relazione, certificata dalle autorità doganali, è il proprietario di un magazzino di stoccaggio temporaneo o proprietario deposito doganale, o una persona che ha arrestato o sequestrato beni si trovano in deposito.
5. L'atto dell'autorità doganale, a condizione 3 parte di questo articolo, è la base per un detenuto o il sequestro delle merci conformemente al presente articolo.
6. L'autorità doganale che la detenzione o il sequestro di beni, calcola l'importo dei dazi doganali e delle tasse:
1) per i beni sequestrati sulla base dell'importo dei dazi doganali e delle tasse che potrebbero essere versate ponendo tale merce al regime doganale di immissione in consumo interno, calcolato il giorno del loro arresto;
2) per i beni sequestrati ai sensi dell'articolo 81 codice doganale dell'unione doganale.
7. L'autorità doganale che ha effettuato l'arresto o il sequestro di beni, entro tre giorni lavorativi dalla data di scadenza del periodo di stoccaggio di merci bloccate o sequestrate informa l'organismo autorizzato circa la data prevista di scadenza, la posizione delle merci, la loro quantità e le altre caratteristiche necessarie per l'organismo autorizzato per l'organizzazione l'adozione e l'esportazione di merci, con una copia del rapporto di arresto, e prodotto secondo questo articolo 6 del calcolo dovuto al pagamento dei dazi doganali e tasse. Se merci bloccate o sequestrati sono deperibili, la notifica deve essere inviata il giorno di arresto o di sequestro di merci, compresi i possibili mezzi di comunicazione rapida, compreso il trasferimento di informazioni in forma elettronica, indicando che le merci sono deperibili. Alla scadenza della durata di merci bloccate o sequestrate, l'autorità doganale informa anche il dichiarante delle merci, rispettivamente, o il proprietario o altro legittimo proprietario se sono installate queste persone, o la persona che ha sottratto la merce.
8. L'autorità doganale che la detenzione o il sequestro dei beni, tali prodotti passa l'atto di trasferimento dell'autorità.
9. organismo autorizzato o il suo rappresentante riceve da parte dell'autorità doganale e le esportazioni di beni detenuti o sequestrate per la contabilità, la valutazione e la disposizione entro giorni lavorativi 10 dopo la data di ricevimento della notifica delle autorità doganali ai sensi della parte del presente articolo 7. L'autorità doganale detenuto o beni sequestrati ha il diritto di prorogare il termine per l'accettazione delle esportazioni di merci e il trattamento motivata del corpo autorizzato, ma non più di un mese. merci deperibili dovrebbero essere prese dall'organismo autorizzato per l'ordine entro e non oltre tre giorni lavorativi dalla data di ricevimento della notifica delle autorità doganali ai sensi della parte del presente articolo 7.
10. Implementazione di detenuti o sequestrati beni da parte di un organismo autorizzato sui prezzi di mercato.
11. Al fine di trasferire al bilancio federale è l'importo totale dei dazi doganali e delle tasse da versare e calcolato dall'autorità doganale conformemente alla parte 6 di questo articolo, la cessione di tali beni da parte dell'organismo autorizzato nel tempo più breve possibile, ma non oltre tre mesi dalla data dell'atto di trasferimento .
12. Se, entro il termine specificato nella presente sezione del 11 detenuti o prodotti sequestrati non si realizzano, l'autorità d'accordo con l'attuazione estensione dell'autorità doganale, ma non più di altri due mesi.
13. Se i costi di stoccaggio e vendita di beni sequestrati o confiscati superano i costi, tali merci devono essere distrutti o trattamento (riciclaggio) del corpo autorizzato.
14. Distruzione o il riciclaggio (riciclaggio) merci bloccate o sequestrate, nonché al rimborso delle spese connesse con lo stoccaggio e il trasporto di tali merci sono effettuate dai soggetti di cui alla parte 2 di questo articolo, e in assenza di tali persone a carico del bilancio federale, se non diversamente previste dalla legislazione della Federazione Russa nei confronti di talune categorie di merci.
15. Dal momento che la ricezione effettiva con l'atto di trasferimento di merci bloccate o sequestrati prima della loro applicazione, la distruzione o il riciclaggio (riciclaggio) del corpo autorizzato deve garantire la loro sicurezza in caso di loro perdita è responsabile di:
1) alle autorità doganali di rimborso per il bilancio federale per l'importo di denaro dovuto al pagamento dei dazi doganali e delle tasse per la perdita delle merci;
2) di cui ad esso ai proprietari per rimuovere le merci per compensare il costo di questi individui ha perso beni al netto degli importi da trattenere a norma dell'articolo 149 codice doganale dell'unione doganale.
16. Se una persona di cui al comma 2 questo articolo, si esibirà prima del trasferimento dei beni al corpo autorizzato, a condizione dalla normativa doganale dell'unione doganale e la legislazione della Federazione russa in materia di dazi doganali per l'esportazione di merci fuori del territorio doganale dell'unione doganale, dichiarazione in dogana o altre azioni ai sensi degli articoli 152, 170 185, 192, 208, 231, 234, 305 354 e codice doganale dell'unione doganale, le autorità doganali non hanno alcun diritto di impedire il rilascio di tali persone detenute o sequestrati beni.

Articolo 191. Smaltimento dei proventi finanziari derivanti da vendita di beni
1. Incassi derivanti dalla vendita di beni, indirizzata alla proprietà federale trasferito al bilancio federale.
Attenzione! Parte 2 - 10 191 articolo ha effetto dal gennaio dell'anno 1 2013, si veda l'art. 325 presente atto
2. Incassi derivanti dalla vendita di beni sequestrati o confiscati, entro e non oltre tre giorni dalla data di ricevimento da parte dell'organismo autorizzato sono trasferiti a loro a spese del Tesoro federale per lo smaltimento di tali fondi in conformità con il codice dell'articolo 149 doganale dell'unione doganale con la presentazione simultanea alle autorità doganali che la detenzione o il sequestro di beni, informazioni sui costi connessi con l'attuazione di tali beni.
3. L'autorità doganale che la detenzione o il sequestro dei beni, entro e non oltre cinque giorni lavorativi dalla data di ricevimento da parte del Tesoro federale dei fondi di cui al comma 2 presente articolo devono essere in possesso l'importo dei dazi doganali e delle tasse, calcolato conformemente alla parte 6 190 questo articolo legge federale, così come il costo del trasporto, conservazione di beni e altri costi connessi con la loro attuazione.
4. Saldo di cassa dei proventi derivanti dalla vendita di beni sequestrati, calcolata prendendo in deduzioni conto con il codice dell'articolo 149 doganale dell'unione doganale, l'autorità doganale viene restituito al dichiarante, e se la dichiarazione di merci non è fatto, il proprietario o altro proprietario dei beni in presenza del corpo doganale di informazioni su di loro. Saldo di cassa del ricavato dalla vendita dei beni sequestrati è restituito alla persona da cui sono stati sequestrati i beni.
5. L'autorità doganale che ha effettuato l'arresto o il sequestro dei beni, non oltre cinque giorni lavorativi successivi alla data delle deduzioni di cui al comma 3 di questo articolo, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno notifica alle persone indicate nel comma 4 di questo articolo, la possibilità di ottenere saldo di cassa, proventi derivanti dalla vendita di beni sequestrati o confiscati. Se l'autorità doganale è in grado di comunicare attraverso questi individui più rapido di comunicazione, compreso il trasferimento di informazioni in forma elettronica, deve informarli in modo allo stesso tempo con la direzione di una raccomandata.
6. Forma di notifica della disponibilità di fondi da restituire, i proventi derivanti dalla vendita di beni sequestrati o confiscati, istituita dal l'organo esecutivo federale ha autorizzato nel settore doganale.
Attenzione! Modulo di notifica disponibile per essere restituito il saldo di cassa dei proventi derivanti dalla vendita di beni sequestrati o confiscati, vedere Ordine della FCS della Russia № 2710 30.12.2010 città
7. Il ritorno degli incassi derivanti dalla vendita di beni sequestrati o confiscati sono su richiesta scritta del dichiarante o da una persona di cui al comma 4 questo articolo, ha presentato alle autorità doganali, detenuto o il sequestro delle merci entro tre mesi dal giorno successivo alla data di ricevimento il ricavato della vendita di beni sequestrati o confiscati a spese del Tesoro federale.
8. Il tempo totale per l'esame da parte dell'organismo doganale della domanda per il ritorno del saldo di cassa dei proventi derivanti dalla vendita di beni sequestrati o confiscati, non può superare i 10 giorni lavorativi dalla registrazione del corpo doganale della domanda di restituzione.
9. Il ritorno della cassa procede dalla vendita di beni sequestrati o confiscati nella valuta della Federazione russa per l'account specificato nella domanda per il ritorno del saldo di cassa.
10. Non riscossi presso l'ufficio doganale che ha effettuato la detenzione o il sequestro dei beni, entro il termine previsto parte 7 di questo articolo, la domanda di restituzione del saldo di cassa dei proventi derivanti dalla vendita di beni sequestrati o confiscati, l'importo dei fondi non riscossi sono registrati in altre entrate non fiscali del bilancio federale e non verranno restituiti.

Articolo 192. Caratteristiche smaltimento di determinati tipi di merci
Smaltimento dei metalli preziosi, pietre preziose e lavori, i valori culturali, le merci soggette a marcatura, titoli, attività in valuta estera, altri beni ritirati dalla circolazione o del fatturato in Russia è limitata, in conformità con la legge russa.