Russian Cinese (semplificato) Inglese filippina Italiano Giapponese Korean Malay Thai vietnamita

Le barriere non tariffarie del commercio estero

restrizioni non tariffarie - Un insieme di restrittiva-proibitivo, impedendo l'ingresso di merci estere nei mercati nazionali.

Nella prassi internazionale, i limiti delle misure non tariffarie sono suddivise in cinque gruppi:

  1. riflette la partecipazione dello Stato nel commercio estero
  2. combina le formalità doganali e di importazione amministrativi, compresi i metodi del valore in dogana e la determinazione del paese d'origine, la forma dei documenti di spedizione e le condizioni per la loro registrazione, i tassi di classificazione delle materie prime
  3. è costituito da norme e requisiti in materia di norme di sicurezza per i consumatori e per l'ambiente, con le norme sanitarie e veterinarie, imballaggio ed etichettatura delle merci
  4. restrizioni quantitative e di scambio di importazioni ed esportazioni
  5. restrizioni sulla base dei principi di pagamenti - depositi di importazione, le variazioni dei tassi di interesse, di un regime fiscale di frontiera e le spese in movimento.

Le attività di cui sopra sono attuate da l'impatto finanziario l'utilizzo di strumenti e la regolamentazione amministrativa.

Incidenza finanziaria operazioni di commercio estero forniti dal sistema di destinazione e tasse doganali diversi, imposte e tasse (salvo dogana), che hanno il compito di importazione. L'importo totale di tali diritti superano in modo significativo l'importo della tariffa, non hanno la forma di un importo forfettario, variano a seconda dello stato dell'ambiente e della politica economica.

Tutto questo richiede esportatori di prevedere spese future sulla clearance nel paese d'importazione.

Misurare l'impatto finanziario di chiamata para- misure che vengono utilizzati nella regolazione del commercio estero, con influenza notevole e mettendo ostacoli nel modo dei flussi di importazione.

Spese fisse, le imposte e le tasse sono combinati personaggio, aumentando soprattutto il prezzo sul mercato interno delle merci importate, con una stima indicativa non è previsto.

Questi includono interni imposte speciali e dei dazi variabili, antidumping e di dazi compensativi in ​​relazione ai prodotti di importazione e di benefici retributivi specifici e sussidi agli esportatori, i produttori nazionali, nonché le imposte di frontiera e le spese per la liquidazione e la circolazione delle merci attraverso il confine.

Metodi di regolamento amministrativo - le importazioni e le restrizioni quantitative vari costi per ridurre il volume o il livello delle importazioni di taluni prodotti da qualsiasi fonte o restrizione dei loro ricavi da un determinato fornitore.

Questi metodi comprendono diversi tipi di divieti assegnazione, concessione di licenze, restrizioni quantitative, Le disposizioni doganali, norme e delle regolamentazioni tecniche di sicurezza, autodisciplina della fornitura, misure antidumping.

Strumenti di amministrazione considerate ulteriori misure di natura temporanea, la mancanza di efficacia degli strumenti economici. Tuttavia, durante la recessione economica e l'economia sbilanciata, sono i principali strumenti per la regolamentazione dei rapporti del commercio estero con i paesi terzi utilizzati dagli Stati sono molto diverse.

Quadro normativo del commercio estero è possibile utilizzare l'intera gamma di restrizioni non tariffarie. Tuttavia, non tutti sono effettivamente utilizzati in Russia. La principale categoria di ostacoli non tariffari rimangono in Russia restrizioni quantitative (contingenti) и licenza l'importazione e l'esportazione di talune merci.

Le misure includono anche non tariffarie di controllo delle esportazioni e la partecipazione alla realizzazione di sanzioni economiche internazionali.